Milan, addio a Castillejo dopo 4 anni. Va a Valencia: “Decisivo Gattuso”



Dopo quattro anni in rossonero, lo spagnolo ritrova l’allenatore con cui ha giocato la sua migliore stagione col Diavolo: “Rino è vincente, ho fatto di tutto per venire qui ed essere allenato da lui”

Le lacrime di metà ottobre ci raccontano che al Milan teneva davvero. E forse, forse sì, per raccontare un addio conviene partire da lì. Milan-Verona 3-2, San Siro, Castillejo ha appena concluso la sua miglior partita in rossonero e piange. Contesto: Pioli lo butta nella mischia nella ripresa, con il Milan sotto 2-0, e Samu strega tutti: prima si procura il rigore del pari (dopo la rete di Giroud), poi propizia l’autogol di Gunter del 3-2. Le parole del post gara ricordano quelle di Antonio Picci, diventato famoso per una frase simile dopo aver segnato un gran gol in Eccellenza: “Mesi fa non mi voleva neanche mia madre, ora esulto a casa mia”.

MAI COMPRESO

—  

Oggi Castillejo lascia il Milan dopo dieci gol e 15 assist in quattro anni. Lo fa per andare a Valencia, di nuovo in Spagna, a un’oretta di treno da Vila-Real, la città in cui ha fatto vedere le cose migliori. Patria di ceramiche e calciatori estrosi. Al Mestalla ritroverà Gennaro Gattuso, mentore e guida del suo ‘best year’ tra le fila del Milan: 40 partite, 4 gol e 6 assist nel 2018/19 (la prima in rossonero). Castillejo ne ha sempre parlato bene: “Rino è vincente, ho fatto di tutto per venire qui ed essere allenato da lui”. Non vedeva l’ora. Del resto il rapporto è sempre stato ottimo: nel 2019, dopo qualche panchina di troppo, gli disse “guarda che se serve io ci sono”. Senza polemiche, senza alzare la testa, piazzandosi a destra come sempre. Con quel ciuffo biondo e i guizzi dell’esterno proiettato in avanti.

RINO E SAMU

—  

Arrivato al Milan per 18 milioni nel 2018, Samu non è mai riuscito a conquistare sul serio il mondo Milan. Sempre un po’ in disparte, mai protagonista, campione d’Italia con 5 presenze e di nuovo in Champions dopo aver perso il posto da titolare. L’exploit di Saelemaekers, arrivato a gennaio 2020, gli ha tolto i minuti che aveva. Gattuso proverà a restituirglieli. Sui social sta girando una foto di loro due nel 2019. C’è Rino che gli stringe forte il viso tra le mani fine partita. Sembra gli stia dicendo “vedi? È così che devi giocare”. Fiducia. Una volta disse che Samu e Laxalt erano due giocatori “dalla gamba frizzante”. Una sua espressione per dire che dribblano, saltano l’uomo, creano superiorità. Al Milan un Samu così si è visto solo a tratti, soprattutto con Gattuso. Per questo se l’è ripreso a Valencia.



Source link

Denial of responsibility! planetcirculate is an automatic aggregator around the global media. All the content are available free on Internet. We have just arranged it in one platform for educational purpose only. In each content, the hyperlink to the primary source is specified. All trademarks belong to their rightful owners, all materials to their authors. If you are the owner of the content and do not want us to publish your materials on our website, please contact us by email – [email protected]. The content will be deleted within 24 hours.