Milito: “Mourinho unico, mi voleva al Real. Eto’o un grande. Barça? Erano ossessionati…”



In una lunga intervista a Sport Jot Down, Diego Milito ripercorre le tappe più importanti della sua carriera

Gianni Pampinella

In una lunga intervista a Sport Jot Down, Diego Milito ripercorre le tappe più importanti della sua carriera. Gran parte dell’intervista è incentrata sulla sua esperienza all’Inter. “Ho esordito in Prima Divisione a quasi 21 anni, sono arrivato all’Inter a trent’anni. Tutto sembra essere successo relativamente tardi, ma è stato perfetto così. Mi sento orgoglioso, ma sì, è vero che almeno in Argentina debuttano molto più giovani. C’è chi a quindici o sedici anni e ha giocato tante partite. Quando sono arrivato al Racing non è stato facile. Il club stava attraversando un periodo difficile, soprattutto dal punto di vista finanziario. Non avevamo le nostre strutture, dovevamo cambiare ogni giorno… D’altronde, diciamo che stiamo parlando di una bella entità. Sono un loro fan e ho un grande affetto per loro. Nel mio caso, ha forgiato la mia personalità e mi ha fatto sviluppare valori che mi accompagnano ancora oggi“.

Chi ti ha chiamato al Genoa? 

—  

“Era gennaio 2004, il mio agente mi parlò allora della possibilità di firmare. Il suo presidente, Enrico Preziosi, ha voluto parlarmi. Mi ha scioccato, perché avevo già vinto titoli con il Racing e avevo esordito con la Nazionale. Sembrava un passo indietro, perché quelle non erano le mie aspettative. Tutto è cambiato quando ho parlato con il presidente, che mi ha convinto. Ero molto interessato alla sfida. Ho accettato perché questo significava lasciare la mia casa e crescere umanamente come persona. Ho lasciato il mio paese e sono maturato molto”.

Qualche anno dopo arriva l’Inter

—  

“Mi sono divertito molto quell’anno a Genova, con quel bellissimo derby che sembra inglese. La città vive per questa festa. Ricordo che quando ho firmato, ad agosto, mi avevano già chiesto la data del derby della Lanterna con la Sampdoria, che era a dicembre. Era fantastico. Volevo tornare lì per chiudere un cerchio. Quell’anno vinsi entrambi i derby con Gasperini in panchina. Un grande allenatore che ha subito anche la difficile eredità di Mou nell’Inter. È straordinario, e si vede oggi all’Atalanta. Preziosi non mi lasciava partire a metà anno. Era il 2009 e sì, José mi ha chiamato quando tutto era ufficiale. Mi ha accolto, mi ha parlato del club, mi ha detto cosa avrei trovato, cosa avrebbe voluto da me. Era molto gentile. Mi ha chiesto se volevo giocare con la maglia 22… Era molto affettuoso. Lo apprezzo per tutto quello che mi ha insegnato e trasmesso. Anche per la possibilità di poter raggiungere un grande club”.

All’Inter ci sono Zanetti, Cambiasso, Samuel…

—  

“Erano e sono amici. Ho un contatto permanente con loro. Quell’Inter veniva dallo scudetto vinto con Mourinho, ma forse per lui era troppo poco perché con Roberto Mancini ne aveva già vinti tanti”.

Parte Ibra e arriva Eto’o. Sei d’accordo che l’Inter non partiva nemmeno tra le tre-quattro favorite per la vittoria della Coppa dei Campioni?

—  

“Sì, naturalmente. Eravamo un bel gruppo. Vi ricordo che abbiamo preso anche Sneijder, grande qualità ed esperienza in Champions come lo stesso Eto’o. Si sono uniti a un blocco che aveva appena vinto quattro campionati consecutivi. L’Inter voleva la Champions ed è vero che doveva fare un passo in più. Tutto è andato alla perfezione, tutti i pezzi si sono incastrati, i pianeti si sono allineati, ogni giocatore ha fatto quello che doveva fare… Il risultato è stata una storica tripletta”.

Com’è il potere di seduzione di Mourinho?

—  

“Enorme. Ti convince di ciò che vuole. Ha questa virtù. Entra nel profondo di te, gestisce molto bene i momenti difficili, è un vincente… Sa quando litigare e darti una carezza. Sai? Mourinho, metaforicamente parlando, sa accarezzare molto bene. Un’altra cosa è quello che pensi dall’esterno. Dentro è vicino, piacevole, attento, unico”.

Ti fa rabbia sentire che l’Inter era tutta tattica, tutta difesa? Quel che è certo è che Eto’o e Pandev hanno giocato da terzini in molte partite

—  

“Incoraggio i critici a guardare le partite dell’Inter senza pregiudizi o luoghi comuni. Io la vedo al contrario, perché penso che abbiamo giocato con quattro o cinque attaccanti: Samuel Eto’o, Pandev, Sneijder, Maicon e io. Il pregio dell’Inter di Mou, è stato quello che i giocatori offensivi si sacrificavano in difesa. Per ottenere tutto ciò è stato necessario anteporre il noi al sé. Siamo stati di grande supporto… E insisto: abbiamo avuto un taglio molto più offensivo che difensivo”.

Come convincere Eto’o, tutto ego, a giocare dietro? 

—  

“Eto’o è ed è stato un vero grande, ma soprattutto per tutto questo. Ancor più che per i suoi trenta gol e la tripletta con Guardiola. È arrivato e si è messo a disposizione della squadra. Ha giocato sulla fascia sinistra e lo ha fatto senza problemi. È fantastico perché ci ha fatto vincere dei titoli. Il suo atteggiamento è sempre stato esemplare, non abbiamo mai avuto problemi di ego. Mourinho ci ha convinto tutti che era necessario vincere”.

Ma non doveva essere facile per lui ricoprire quel ruolo apparentemente secondario

—  

Guarda, ti dico una cosa… Vedere Eto’o uscire dalla zona dove era sempre decisivo, l’area, per mettersi a disposizione della squadra è stato qualcosa di emozionante, una delle cose più belle di quell’anno. Difeso, attaccato, segnato. Ricordo lo 0-1 allo Stamford Bridge con il suo gol. Era il Chelsea di Ancelotti, uno dei favoriti per la vittoria finale dopo il Barça . Quella è stata la prima volta che abbiamo davvero creduto di poter essere campioni. Questo è anche un esempio per i giovani, che se vedono una super star correre con quel sacrificio, quell’umiltà… Qualcosa di magico”.

Balotelli non l’ha capito.

—  

“Era unico. Era un ragazzo dal carattere difficile. Con virtù e qualità incredibili, ma complicate”.

Cosa ti ha detto Mourinho dopo la sconfitta al Camp Nou e la qualificazione alla finale? La notte della corsa leggendaria. Lì aveva già firmato col Real

—  

“All’epoca non lo sapevamo. Abbiamo preparato molto bene la partita e ci ha dato tranquillità. Quella sera lo stadio era molto concitato, molto nervoso, c’era un clima molto aggressivo. Mourinho era in panchina, Figo gli sedeva accanto, la finale sarebbe stata al Bernabéu… C’è stato quel condimento importante”.

I culé hanno anche sentito che all’andata l’arbitro li ha derubati. Il tuo gol era in fuorigioco

—  

“Sì, bene. Mourinho ci ha detto di seguire il sogno, perché la grande differenza che abbiamo avuto con il Barça è che la Champions League era un sogno per noi e un’ossessione per loro. Penso che sia stato davvero così. Erano ossessionati, anzi lo hanno ammesso molte volte. Nel nostro caso, quel sogno è stato costruito. È iniziato dopo aver vinto entrambe le partite contro il Chelsea negli ottavi ed è culminato al Bernabéu”.

È sorprendente sentire Mourinho dire “esci e goditi il ​​sogno”. Cruyff ha detto una cosa del genere ai suoi uomini nella finale di Wembley contro la Sampdoria.

—  

“Era così. Ci ha chiesto di divertirci con quel sogno. Lo abbiamo ascoltato come poi si è visto”.

Zanetti che piange, anche Eto’o, Moratti, il sogno di Moratti…

—  

“Difficile da spiegare a parole. Avevo trent’anni. Era come toccare il cielo con le mani. Il mio sogno, uno di questi, era anche quello di esordire in Champions League, ma giocare una partita, nemmeno vincerla. Ne abbiamo discusso con mio fratello quando era piccolo e vivevamo in Argentina. Ci tengo anche a sottolineare che una delle cose che mi ha reso più felice è stato vedere Moratti così felice. Suo padre la vinse già ai tempi di Helenio Herrera. So quanto ha combattuto per vincerla. Lui la voleva. Era nostro padre Moratti, un presidente straordinario, sempre presente”.

Ciò che è stato sorprendente è la rapidità con cui quella squadra si scioglie. Rafa Benitez è arrivato. Si è parlato di un possibile ammutinamento contro il tecnico guidato da Materazzi

—  

“Niente, non ci fu nessuna rivolta. Era una squadra di una certa età, con certi vizi buoni, ma vizi, dopotutto. Un blocco con molta esperienza, e Rafa ha voluto mettere in atto alcune cose che non sono andate bene. Nonostante ciò, abbiamo vinto il Mondiale per Club e la Supercoppa Italiana. L’anno successivo anche la Coppa Italia. Logicamente abbiamo abbassato il livello, ma vincere il Triplete non è facile. Era difficile stare lassù”.

Quali vizi? Beh, so che non me lo dirai

—  

“Modo di allenarsi, metodologie… Aveva una metodologia più di gruppo… Non c’è dubbio che Rafa sia un grande allenatore.

Mourinho voleva portarti a Madrid?

—  

“Sì, ne abbiamo parlato. Gli sarebbe piaciuto perché me l’ha detto, ma sapeva che l’Inter non mi avrebbe lasciato andare”.



Source link

Denial of responsibility! planetcirculate is an automatic aggregator around the global media. All the content are available free on Internet. We have just arranged it in one platform for educational purpose only. In each content, the hyperlink to the primary source is specified. All trademarks belong to their rightful owners, all materials to their authors. If you are the owner of the content and do not want us to publish your materials on our website, please contact us by email – [email protected]. The content will be deleted within 24 hours.