Volley Champions League, Novara ritrova la vittoria contro la Stella Rossa



L’Igor in casa travolge Belgrado nel quarto turno della fase a gironi. Domani in campo Conegliano e Milano che gioca la prima gara all’Allianz Cloud

Vittoria nel quarto turno della fase a gironi per Novara contro la Stella Rossa belgrado. Domani in campo Conegliano e Milano alle 20.30.

Novara-Stella Rossa Belgrado 3-0 (25-17, 25-22, 25-22)

—  

Torna alla vittoria in Champions la Igor Novara e lo fa non solo convincendo ma anche scoprendo qualche soluzione in più, grazie agli esperimenti proposti da Lavarini, che, finalmente con il roster al completo, ha finalmente la possibilità di attuare un po’ di turn over e cercare anche soluzioni alternative, dopo mesi di scelte forzate dagli infortuni. Il tecnico novarese concede per la prima volta un turno di riposo a Bosetti, schierando l’inedita coppia Adams-Carcaces in banda, con Karakurt opposta a Battistoni, che torna titolare in regia, mentre al centro Bonifacio fa rifiatare capitan Chirichella, con Danesi a completare il sestetto.

Avvio lento

—  

La partenza è un po’ rallentata ma l’allungo di Novara è deciso, con Adams e Carcaces che alzano il loro livello in attacco, firmando il parziale che dal 2-4 porta le piemontesi sull’8-5. Ancora l’americana piazza l’ace del 10-6 e costringe Belgrado al time out ed è ancora Igor che lavora forte con muro e difesa ed allunga sul 14-8 ed ancora sul 17-11. Lavarini cambia anche la diagonale ed è pronta Ituma che mette subito a segno due punti che spingono Novara a quota 20. Unp show di Danesi (muro, primo tempo ed ace) porta la Igor al set ball, chiuso da un’eccellente Adams (5 punti sin qui) sul 25-17. La statunitense, che dimostra di essere in netta ripresa dopo il lungo stop per infortunio, è protagonista anche in avvio di secondo set, con 3 punti consecutivi nel 7-4 con cui la Igor prende subito il controllo del parziale. Novara, che ha inserito anche il libero Bresciani al posto di Fersino, mette il pilota automatico e con il minimo sforzo sale sul 13-8. Lavarini dà spazio anche a Giovannini, richiamando Carcaces, e proprio la neoentrata trova subito l’ace del 15-10. La Stella Rossa fa poco per tenere viva la partita, con le uniche fiammate che vegono dall’interessante Taubner, opposto classe 2002. Danesi alza il muro e Novara scappa sul 20-13, prima di andare a chiudere 25-15.

Turn over

—  

Lavarini insiste con il turn over anche nella terza frazione, confermando Giovannini al posto di Adams. Novara fatica a riprendere il ritmo (4-6; 6-9), Karakurt (non una gran partita nel giorno in cui festeggia i suoi 23 anni) e Carcaces faticano a ritrovare il ritmo n attacco, e Novara scivola anche a meno 5 (9-14). Lavarini gioca la carta Cambi-Ituma ma Taubner continua a picchiare forte e Belgrado prende letteralmente il largo, costringendo la panchina della Igor a fermare il gioco sull’11-17. Si rivede Adams in campo, ma è Danesi a cercare di dare la scossa, con due muri imperiosi che valgono il meno 3. L’ace di Carcaces al rientro dal time out ospite riaccende il Pala Igor, ma la Stella Rossa punisce ogni indecisione novarese e risale sul 16-20. Ituma riavvicina a meno 2 le azzurre, Adams con l’ace firma il 20-21 e dopo un altro siluro di Ituma è Carcaces a trovare il pari a quota 22. Belgrado sente la pressione, Taubner manda sull’asticella la palla del 23-22 ed ancora la cubana di Novara conquista il match ball: ci pensa Danesi a muro a chiudere i conti per un 25-22 che sa di carattere.



Source link

Denial of responsibility! planetcirculate is an automatic aggregator around the global media. All the content are available free on Internet. We have just arranged it in one platform for educational purpose only. In each content, the hyperlink to the primary source is specified. All trademarks belong to their rightful owners, all materials to their authors. If you are the owner of the content and do not want us to publish your materials on our website, please contact us by email – [email protected]. The content will be deleted within 24 hours.